parti del corpo che potremmo non avere in futuro

parti del corpo che potremmo non avere in futuro

Il corpo è il nostro tempio, ma sappiamo ormai che non è sempre stato così, anzi si è evoluto per affrontare nuove necessità e dimenticarne alcune. Come cambieranno i nostri corpi durante il processo evolutivo?

Charles Darwin aveva già ipotizzato, nel suo “The Descent of Man” anno 1871, che il corpo umano sarebbe cambiato nel tempo, poiché non avrebbe dovuto sopperire ad alcune necessità specifiche dei tempi antichi. Sul nostro corpo però sono rimasti segni indelebili di un’altra era, quelli che permettono ancora oggi alcune specie animali di sopravvivere in habitat differenti.

Avete mai pensato che in effetti siamo formati anche da parti del corpo inutili, che potrebbero scomparire molto presto? Uno di questi esempi si trova all’interno dell’occhio, un altro alla base della schiena… un altro sull’orecchio.

Non sono le uniche però, pensate infatti ai denti del giudizio o all’appendice: molto spesso vengono rimossi perché inutili. I primi perché la masticazione è cambiata, la seconda perché serviva principalmente per processare la cellulosa nella nostra dieta principalmente vegetale.

Vediamo insieme le 7 parti del corpo inutili che potremmo non avere più in futuro 

1) Terza palpebra

È chiamata così perché si trova all’interno dell’occhio, di fatto è quella piccola escrescenza che si trova all’attaccatura tra occhio e naso. A cosa serve? A noi non serve a niente, agli uccelli invece e ad alcuni mammiferi impediva danni fastidiosi, perché proteggeva l’occhio da impurità e contaminazioni esterne. Oggi ne è rimasta solo una piccola parte e tra qualche anno potrebbe non esserci più.

parti del corpo che potremmo non avere in futuro

2) Capezzoli maschili

Durante lo sviluppo embrionale, i capezzoli si formano nel feto poiché il sesso non è ancora presente e durante i primi mesi, si potrebbe sviluppare il sesso maschile o il sesso femminile. Per questo motivo anche gli uomini hanno i capezzoli… ma a cosa servono? Non possono produrre prolattina, quindi non possono allattare, sono di fatto parti del corpo inutili.

 

parti del corpo che potremmo non avere in futuro

3) Il coccige

C’è chi ce l’ha pronunciato, questione di postura e abitudini, ma il coccige è un osso che tutti abbiamo. Non difficile da credere, risulta essere il residuo di una coda, che come ormai sappiamo era utilissima all’equilibrio, la prova è che negli animali non è certo sparita. A noi invece la coda non serve sulla schiena, la posizione eretta e altri strumenti di comunicazione ci hanno privato di un elemento che era ormai inutile.

parti del corpo che potremmo non avere in futuro

4) Il muscolo succlavio

Il nome suggerisce la posizione, il muscolo che si trova sotto la clavicola e che si collega con la prima costola sotto la spalla. Un muscolo che conosciamo perché spesso è dolorante se dormiamo male o se facciamo qualche movimento inconsueto. In realtà proprio il muscolo succlavio potrebbe non esserci, si tratta infatti di un residuo utile quando l’uomo procedeva a quattro zampe.

parti del corpo che potremmo non avere in futuro

5) I peli sul corpo

La barba maschile in realtà la sua utilità ce l’ha, almeno a livello di attrattiva dell’altro sesso, ma ancora di più come protezione da agenti esterni e residui di cibo. Anche le ciglia proteggono gli occhi dal sudore della fronte… ma il resto dei peli del corpo? Ormai hanno fatto il loro tempo, e le donne ne sanno qualcosa, si annoverano un posto tra le parti del corpo inutili e speriamo che, come dicono, presto possano sparire del tutto.

parti del corpo che potremmo non avere in futuro

6) Muscoli piloerettori

Noi chiamiamo il fenomeno volgarmente “Pelle d’oca” ma in realtà si tratta di una qualità intrinseca dei muscoli collegati ai follicoli piliferi, che permettono di sollevarli in presenza di emozioni forti come la paura. Gli animali ne hanno fatto uso dalla notte dei tempi e a noi sono rimaste queste prove a sostegno di una necessità che oggi non c’è più.

parti del corpo che potremmo non avere in futuro

7) Tubercolo di Darwin

A dire il vero non fu scoperto da Darwin, ma da Thomas Woolner, questo piccolo frammento di cartilagine che si inspessisce all’interno delle nostre orecchie o all’esterno di quelle di molti animali (tra cui il macaco). Il tubercolo di Darwin è infatti la prova di come le orecchie venivano orientate e di quanto. Sicuramente affascinante, ma anche in questo caso esempio di parti del corpo inutili che potremmo non rivedere tanto presto. Tra qualche anno.

parti del corpo che potremmo non avere in futuro

Se vi è piaciuto questo articolo condividetelo con gli amici su Facebook!