Sole, caldo, mare, è finalmente ora delle vacanze estive. Siete pronti a tuffarvi per il primo lunghissimo bagno della stagione? Ma, attenzione alle vostre orecchie. Infatti, come ben sapete, potrebbero tapparsi con l’entrata di acqua nel canale uditivo o congestionarsi per altri fattori a cui è comunque possibile porre rimedio con degli ottimi trattamenti fai da te.

Cause delle orecchie tappate

L’acqua è il motivo principale per cui in estate si verifica un netto aumento di casi di orecchie tappate, perché le persone, tuffandosi, non vi prestano attenzione.

All’interno del canale infatti, oltre all’acqua, potrebbero entrare fastidiosi batteri e corpi estranei, procurando infezioni serie per il corpo. Ovviamente, non è solo con la bella stagione e con i lunghi bagni che le orecchie possano subire dei danni, vi sono anche altri motivi.
Una causa molto conosciuta è l’accumulo di cerume. Quando si formano degli strati molto spessi e compatti all’interno del canale uditivo è difficile rimuoverli senza gli strumenti specifici.
Nei soggetti con infezioni respiratorie è molto comune che si verifichino questi problemi uditivi. Infatti, in casi di sinusite o raffreddore, il condotto che parte dalla cavità nasale e termina all’orecchio interno si riempie di muco e questo può provocare una congestione delle orecchie.

Ad ogni problema la sua soluzione

Nei casi in cui, anche se si è prestata molta attenzione nell’asciugarsi bene le orecchie dopo il contatto con l’acqua e aver indossato i tappi per evitarne l’entrata nel canale uditivo, si presentano ugualmente delle infezioni è opportuno individuarne la causa esatta. Durante un viaggio in aereo è possibile che le orecchie si tappino; in quel caso basterà masticare un chewing-gum o sbadigliare. L’aria che entra o la saliva prodotta dalla masticazione ristabilirà la pressione. Se più banalmente, la causa è il raffreddore o la sinusite, è consigliato fare dei suffumigi. Inalate il vapore per decongestionare le orecchie e anche il naso. Fate bollire dell’acqua e aggiungete qualche goccia di olio di lavanda, di eucalipto o un po’ di sale grosso ed inalate bene il vapore per decongestionare le orecchie e il naso. Infine, soffiatevi il naso con un fazzoletto diverse volte per espellere tutto il muco in eccesso ed alleviare i sintomi della congestione.

Nel caso in cui le orecchie tappate siano una conseguenza di un accumulo di cerume, è possibile ricorrere a dei rimedi casalinghi anche per questo problema. Quindi, mescolate qualche goccia di acqua tiepida con due o tre gocce di olio di oliva, piegate la testa di lato e versate alcune gocce nell’orecchio lasciando agire la soluzione per qualche minuto. A termine ripulite l’orecchio da eventuali residui con un panno pulito e risciacquate con acqua tiepida per ammorbidire il cerume ed asciugate leggermente con un asciugamano. In questo caso, evitate di usare cotton fioc o bastoncini di ovatta perché non faranno altro che compattare il cerume, contribuendo alla formazione di un tappo. Un’altra opzione consiste nel mescolare in parti uguali alcool e aceto. In questo caso vi occorrerà un contagocce per versare la soluzione all’interno del canale e ovviamente, dovrete lasciarla agire per circa cinque minuti. Trascorso questo tempo, ritornate in posizione verticale con la testa e inserite un piccolo batuffolo di cotone all’interno dell’orecchio.

orecchio-bambini-cerume