Infermieri a domicilio: la strumentazione essenziale

infermiere a domicilio

Gli infermieri a domicilio devono avere sempre con sé strumenti che permettano loro di affrontare svariate situazioni, anche emergenziali.

Nella maggior parte dei casi, questi professionisti della salute si occupano di pazienti con disabilità o anziani, spesso allettati o con gravi problemi di mobilità. Il supporto fornito al paziente e ai suoi familiari è fondamentale per permettere a tutti i componenti della famiglia di avere una vita quanto più possibile serena.

Per poter svolgere al meglio il proprio lavoro, gli infermieri a domicilio devono portare con sé non solo gli strumenti che gli serviranno per fornire cure di base al paziente ed effettuare rapide analisi di routine, come i pungidito e il glucometro per il controllo della glicemia. Ma anche dispositivi medici che lo aiuteranno a far fronte a situazioni gravi, come peggioramenti improvvisi, in attesa dell’arrivo dei soccorsi.

Infermieri a domicilio: kit personalizzati per ogni paziente

Gli infermieri, ma anche gli Operatori Socio Sanitari, che prestano servizio a domicilio devono portare con sé strumenti indispensabili che, nella maggior parte dei casi, non possono essere reperiti presso le abitazioni dei pazienti. Laddove si occupassero di più soggetti, dovrebbero procurarsi dotazioni personalizzate, così da non fare uso promiscuo dei vari strumenti.

C’è da considerare infatti il problema dell’igiene; mentre presso ospedali, strutture assistenziali, ma anche studi medici, è generalmente facile sottoporre gli strumenti a processi di sterilizzazione, lavorando a domicilio questo passaggio risulta praticamente impossibile. La soluzione migliore, al fine di evitare passaggi di batteri, è quella di utilizzare kit di strumenti personalizzati per ogni paziente.

Quali sono gli strumenti indispensabili?

Gli strumenti dei quali l’infermiere non può assolutamente fare a meno sono i seguenti:

  • saturimetro, chiamato anche ossimetro o pulsiossimetro, per rilevare la saturazione di ossigeno nel sangue;
  • sfigmomanometro, fondamentale per tenere sotto controllo la pressione arteriosa dei pazienti;
  • glucometro con pungidito e strisce reattive, indispensabili per chi si prende cura di pazienti affetti da diabete, ma anche in altri casi;
  • termometro, che, nella maggior parte dei casi, può essere reperito presso il domicilio del paziente, ma che è comunque sempre meglio avere con sé.

Oltre a questi, immancabili nella borsa dell’infermiere a domicilio sono i prodotti per la pulizia, la disinfezione e la protezione di ferite o piaghe. Acqua fisiologica, acqua ossigenata, soluzioni a base di iodio, nonché cotone, garze, fasce e cerotti.

Chi deve praticare punture non può dimenticare di portare con sé siringhe e aghi. Invece, può essere utile, per far fronte a situazioni di emergenza, avere a disposizione un laccio emostatico e una coperta isotermica.

Infine, nel caso in cui ci si debba prendere cura di soggetti contagiosi o immunodepressi, sarà fondamentale avere a disposizione i Dispositivi per la Protezione Individuale più adatti alla situazione; tra questi rientrano i vari tipi di mascherine, guanti monouso, camici e tute protettive, le visiere, i copriscarpe e i cappellini.

Pubblicità

Potrebbe interessarti