come-pulire-parti-corpo

La pulizia del corpo è un’operazione quotidiana che ciascuno di noi dovrebbe fare con cura. Ci sono però delle parti che necessitano di una pulizia particolare e di accorgimenti che spesso ignoriamo. 

A volte, per la fretta, ci limitiamo ad un lavaggio veloce senza dedicare il giusto tempo a ciascuna parte del corpo. Il rischio è quello di lasciare batteri sulla nostra cute che potrebbero causare cattivi odori. Altre volte invece puliamo le parti interessate nella maniera sbagliata tendendo ad irritarle o addirittura a danneggiarle.

Alcuni errori sono molto comuni, altri invece sono frutto di abitudini sbagliate difficili da perdere. Movimenti troppo energici e prodotti non specifici sono solo alcuni di essi, ma potrebbero compromettere l’equilibrio della nostra pelle, dei capelli o della bocca. Proveremo a scoprire quali sono le scorrettezze più diffuse tra quelle che commettiamo durante la pulizia del corpo per migliorare la nostra igiene personale e la qualità della nostra pelle.

Vediamo dunque insieme 10 errori comuni nella pulizia del corpo che (quasi) tutti facciamo:

1) Pulizia dell’ombelico

Nel nostro ombelico può annidarsi una grande quantità di sporcizia. Oltre ai batteri buoni che vivono sulla nostra pelle e contribuiscono al suo equilibrio, nell’ombelico si possono accumulare residui di bagno schiuma, polvere e fibre: l’habitat ideale per la proliferazione di batteri cattivi. Tra gli errori comuni nella pulizia del corpo c’è anche l’abitudine a pensare che il bagno o la doccia siano sufficienti anche per la cura dell’igiene dell’ombelico. Per pulirlo al meglio, una volta a settimana, dedicategli 5 minuti. Passateci un cotton fioc imbevuto di alcol denaturato o acqua ossigenata. Fate dei movimenti circolari molto lievi, partendo dall’esterno per poi arrivare fino alla parte più interna. Dopo averlo pulito, con altrettanta delicatezza, asciugatelo utilizzando un cotton fioc asciutto: l’umidità è nemica dell’igiene.

come-pulire-parti-corpo-ombelico

2) Come pulire l’ombelico quando si ha il piercing

In questo caso è meglio evitare il cotton fioc perché rischiereste di spostare lo sporco in prossimità del foro favorendo le infezioni. Per pulire l’ombelico quando si ha il piercing l’ideale è preparare una soluzione disinfettante con acqua calda e sale marino. Versatela in un bicchiere, fatelo aderire all’addome tenendolo premuto e lasciate agire per qualche minuto. Una volta completata la pulizia, utilizzate un dischetto di cotone e, molto delicatamente, rimuovete l’umidità.

come-pulire-parti-corpo-ombelico-piercing

3) Pulizia i gomiti

Anche i gomiti hanno bisogno di una pulizia particolare. Questa parte del corpo subisce lo sfregamento dei vestiti e poggia praticamente ovunque. I gomiti, per difendersi dalle continue sollecitazioni, hanno un riciclo di cellule particolarmente veloce e, proprio per questo motivo, spesso risultano ruvidi o screpolati. Questa sensazione è dovuta alle cellule morte presenti sulla cute. Per pulire al meglio i gomiti è consigliabile esfoliare la parte una volta a settimana. Potete utilizzare uno scrub fai-da-te oppure acquistarne uno e procedere all’applicazione facendo movimenti circolari.

come-pulire-parti-corpo-gomito

4) Pulizia delle orecchie

La cura delle orecchie rientra a pieno titolo tra gli errori comuni nella pulizia del corpo che (quasi) tutti facciamo. Molte persone infatti utilizzano il cotton fioc per la parte più interna. Così facendo potreste comprimere il cerume in fondo al canale uditivo o addirittura danneggiare il timpano con movimenti troppo aggressivi. Il cotton fioc dovrebbe essere usato solo per pulire la parte più esterna del padiglione auricolare. Per sciogliere il cerume e pulire l’interno dell’orecchio si dovrebbe usare qualche goccia di olio per bambini o di glicerina. Lasciatelo agire e, dopo un giorno, inclinate la testa, versate dell’acqua tiepida nell’orecchio aiutandovi con un contagocce e la cera disciolta con l’olio scivolerà fuori. Completate l’operazione asciugando accuratamente con un’asciugamano.

come-pulire-parti-corpo-orecchie

5) Pulizia del cuoio capelluto

Tra gli errori comuni nella pulizia del corpo che quasi tutti facciamo c’è anche quello di lavare i capelli senza prima aver lavato il cuoio capelluto. Spesso la fretta fa coincidere il lavaggio della chioma con la doccia riducendo il tempo della pulizia dei capelli a pochi attimi. In realtà, ad esso, dovreste dedicare almeno 5/10 minuti, seguendo una routine ben precisa. Il primo passaggio, che molti ignorano, per pulire i capelli è quello di lavare accuratamente il cuoio capelluto con acqua tiepida prima di passare allo shampoo. Questa operazione, apparentemente banale, è quella che permette la rimozione delle cellule morte e del sebo in eccesso, principali cause dei capelli sporchi.

come-pulire-parti-corpo-cuoio-capelluto

6) Pulizia della pelle del viso

Un altro degli errori più comuni nella pulizia del corpo che in molti facciamo, figlio dei tempi frenetici cui siamo abituati, è quello di pulire la faccia utilizzando lo stesso sapone delle mani. Quest’ultimo, perfetto per la pulizia profonda della pelle, risulta essere troppo aggressivo per la cute del volto ed ancor più per il contorno occhi. Per pulire la pelle del viso dovremmo sempre utilizzare un detergente specifico, scelto in base alle caratteristiche della nostra cute (secca, mista o grassa).

come-pulire-parti-corpo-viso

7) Pulizia della schiena  

La schiena dovrebbe ricevere le stesse attenzioni di tutto il resto del corpo anche se riuscire a strofinarla adeguatamente non è semplice senza appositi accessori. La nuca e la schiena sono zone del corpo particolarmente soggette al sudore, talvolta esposte anche a smog e sporcizia, che quindi andrebbero sempre pulite con cura. Per questo motivo, in ogni bagno, non dovrebbe mai mancare una spazzola o una fascia esfoliante per detergere al meglio anche il retro del nostro busto.

come-pulire-parti-corpo-schiena

8) Come pulire le unghie

Lavare spesso le mani è fondamentale per l’igiene e la sicurezza personale. Ma tra gli errori più comuni nella pulizia del corpo che praticamente tutti facciamo c’è quello di ignorare lo sporco che si può annidare sotto le unghie. Portare le unghie lunghe aumenta in maniera esponenziale la proliferazione di batteri sulle mani. Piccoli spazi sotto l’unghia o sul margine della cuticola possono diventare l’habitat ideale di questi microrganismi. Per pulire le unghie è bene dunque armarsi di uno spazzolino specifico o di un pennello. Inumiditelo ed utilizzatelo per passare il sapone anche nelle zone più nascoste. Durante il risciacquo, sempre con il pennellino pulito, assicuratevi di rimuovere ogni traccia di detergente. Infine asciugate accuratamente, se necessario anche aiutandovi con un cotton fioc. 

come-pulire-parti-corpo-unghie

9) Come pulire la lingua

Sapete qual è un altro degli errori più diffusi nel pulire parti del corpo? Non pulire la lingua. E vi siete mai chiesti come mai sulla testina di molti spazzolini ci sono dentini e sagome ondulate in gomma? Servono per pulire proprio l’interno della bocca e la lingua. L’alito cattivo spesso è causato dai residui di cibo che si annidano e fermentano sulla lingua. Oltre alle soluzioni sugli spazzolini esistono dei raschietti specifici per pulire questa parte del corpo. Andrebbe dedicato qualche secondo alla pulizia della lingua ogni volta che si lavano i denti.

come-pulire-parti-corpo-linguacome-pulire-parti-corpo-lingua

10) Pulizia delle ascelle

Il cattivo odore delle ascelle potrebbe essere causato da degli sbalzi ormonali o da abiti in tessuti sintetici non traspiranti ma il più delle volte, a contribuire, ci si mette anche una scorretta pulizia. L’ultimo degli errori comuni nella pulizia del corpo che (quasi) tutti facciamo è proprio quello di ridurre la pulizia delle ascelle a pochi attimi. Per pulire le ascelle bisogna innanzitutto lavare la parte del corpo con abbondante acqua. Questo passaggio permetterà la rimozione di tutti i residui di deodorante, fibre tessili e sudore accumulati dal giorno prima o durante la notte. Successivamente si passa al sapone, meglio se antibatterico. A questo punto è necessario asciugare con cura la pelle ed assicurarsi che non ci siano gocce sulla cute prima di mettere il deodorante. Un ambiente umido potrebbe agevolare la proliferazione di batteri e funghi. Applicate il deodorante senza esagerare. Un eccesso di prodotto non farebbe altro che ostruire i pori, macchiare i vestiti e irritare la pelle.

come-pulire-parti-corpo-ascelle

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo su Facebook!

Leggi anche

Lavare i capelli: scopri quali sono gli errori più comuni che dovresti evitare per avere una chioma perfetta

Anche sotto la doccia gli errori sono dietro l’angolo. Scopri quali sono e come evitarli

Per ottenere una pelle del viso radiosa, la soluzione è fare una periodica e profonda pulizia del viso. Scopri come farla a casa passo dopo passo