Emorroidi: rimedi naturali per aiutare

Normalmente, le emorroidi sono formazioni venose indolori situate intorno e all’interno dell’ano e del retto. I problemi sorgono quando si verifica un attacco emorroidario, causato da una dilatazione anomala di queste vene. Esistono due tipi di emorroidi: interne ed esterne.

Le emorroidi si manifestano in una zona particolarmente delicata e il dolore può essere difficile da sopportare quotidianamente. Lungi dall’essere rare, colpiscono prima o poi un francese su due.

Ecco alcune regole igieniche e dietetiche che possono aiutare a limitare gli attacchi:

  • limitare i fattori scatenanti come la stitichezza, la permanenza prolungata in bagno, lo stress o lo sforzo fisico;
  • evitare spezie, alcol, caffè e pasti ricchi di grassi;
  • regolare il transito intestinale (fibre, mucillagini): mangiare verdure verdi crude, frutta, insalate, pane integrale, cereali;
  • evitare lo sfregamento anale;
  • Si raccomanda un regolare esercizio fisico.

Gli specialisti consigliano di consultare un medico il prima possibile, soprattutto in caso di sanguinamento ripetuto o se si avverte molto dolore. Le emorroidi di per sé non sono gravi, ma se si aspetta troppo si corre il rischio che le opzioni terapeutiche si riducano al solo intervento chirurgico.

Prima, però, potete provare uno dei rimedi naturali che troverete nel resto dell’articolo.

1) Il cataplasma di argilla

L’argilla non è utile solo per i brufoli.

È anche molto efficace per curare la pelle, purificare, disintossicare e ha anche un potere antibatterico. Preparate una pasta con un cucchiaio di argilla mescolato con acqua di sorgente. Applicare sulla zona da trattare e coprire con una garza. Lasciare agire per 30 minuti e poi risciacquare con acqua fredda. Procedete in questo modo da 2 a 3 volte al giorno.

2) Olio essenziale di patchouli

L’olio essenziale di patchouli decongestiona la zona sia a livello venoso che linfatico. È inoltre molto utile per rigenerare la zona, lenirla e aiutarla a guarire. Si può usare per via interna per 2 settimane in caso di crisi, mettendo 2 gocce su uno zuccherino o nel miele mattina e sera.

Si può anche usare localmente, mescolando 3 gocce con 3 gocce di olio di nocciola e applicando mattina e sera per 3 settimane con un polpastrello. Questo rimedio è controindicato per le donne in gravidanza o in allattamento e per i bambini.

3) Impacchi di amamelide

L’amamelide è un buon analgesico, tonico delle vene, emostatico, antinfettivo, decongestionante e vasocostrittore. Prendete l’estratto fluido di amamelide e versatene mezzo cucchiaino su un impacco sterile. Aggiungete un pizzico di aloe vera e otterrete una miscela ultra cicatrizzante, lenitiva e rigenerante.

Va applicato mattina e sera.

4) Olio essenziale di pistacchio

L’olio essenziale di pistacchio è un eccezionale decongestionante. È necessario diluirne 2 gocce in un cucchiaino di olio di calophylla. Applicare questa miscela intorno all’ano e ripetere l’operazione due volte al giorno.

Le donne nei primi 3 mesi di gravidanza non dovrebbero utilizzare questo trattamento.

5) Tè di vite rossa

Il tè di vite rossa ha proprietà astringenti e antiossidanti ed è anche un tonico venoso molto efficace. Si consiglia di assumerlo da 2 a 4 giorni tra i pasti. Basta metterne in infusione un cucchiaio in una ciotola d’acqua per 10 minuti.

Questo rimedio non è consigliato alle donne in gravidanza o che allattano.

6) Una miscela decongestionante efficace

In un flacone da 15 ml, preparate la seguente miscela: 2 ml di olio essenziale di geranio rosa, 1 ml di olio essenziale di cipresso sempreverde e 1 ml di olio essenziale di cajeput.

Riempite poi il resto del flacone con olio vegetale di iperico. Applicate questa soluzione sulle emorroidi due volte al giorno per una settimana. Non utilizzate questo rimedio se siete in gravidanza o se avete una storia di cancro ormono-dipendente.

7) Omeopatia: aesculus hippocastanum (ippocastano)

Questo rimedio è perfetto per gli attacchi e i dolori. Assumete 5 granuli CH ogni 2 ore per 2 o 3 giorni.

Sono necessarie da 4 a 6 dosi al giorno perché sia efficace.

8) Rimedi floreali di Bach: Beech

Per 21 giorni, prendere 3 gocce 3 volte al giorno, lasciandole sotto la lingua per 1 minuto e poi deglutire. Non deve essere assunto in caso di gravidanza o se si è alcolisti in astinenza e non è raccomandato per i bambini.

Pubblicità