Advertisement

Ci giriamo e rigiriamo nel letto senza riuscire a dormire, fissiamo l’orologio e le lancette segnano sempre la stessa ora. Spesso ci capita di svegliarci nel cuore della notte sempre allo stesso orario e sembra un caso. Secondo la tradizione medica cinese in realtà esiste un motivo ben preciso perché questo accade. Tutto è legato alle energie del nostro organismo che, se interrotte, indicano una malattia o un disagio emotivo di cui non siamo consapevoli.

Advertisement

Secondo la medicina orientale, anche il corpo umano è soggetto a un equilibrio di Yin e Yang scandito da un orologio biologico ben preciso. Secondo questo orologio ogni fascia oraria corrisponde al momento in cui uno specifico organo è al massimo della sua vitalità energetica (QI). 

Se ci svegliamo a una determinata ora vuol dire che quell’organo è malato o soffre. Inoltre, sembra che per la tradizione medica cinese ogni organo sia la sede di un’emozione diversa, e quando ci svegliamo all’improvviso vuol dire che stiamo vivendo un disagio psicologico molto forte.

Ecco cosa svela l’orologio biologico cinese quando ci si sveglia alla stessa ora:

1) Dalle 5:00 alle 7:00: intestino crasso

Se in questa fascia oraria del mattino ci si sveglia forzatamente interrompendo il flusso regolare di sonno, probabilmente si hanno problemi di stitichezza, gonfiore e aumento di peso. Di prima mattina l’organo interessato è l’intestino crasso, che solitamente serve a eliminare le scorie e le tossine dal corpo accumulate durante la giornata. La sua funzione è sicuramente importante e svegliarsi sempre a quell’ora è un campanello d’allarme.

2) Dalle 3:00 alle 5:00: polmoni

Se ci si sveglia in questa fascia oraria, il problema potrebbe essere uno squilibrio ai polmoni. Solitamente il tutto è accompagnato da manifestazioni quali tosse, catarro, muco e altri problemi simili che non consentono di prendere sonno. Sempre secondo la medicina tradizionale cinese, avere uno squilibrio ai polmoni può indicare una situazione di profonda tristezza e angoscia, magari a causa di un amore infranto o di qualcosa che ci ha ferito profondamente.

3) Dall’1:00 alle 3:00: fegato

Difficoltà a dormire a quest’ora potrebbero indicare un problema più serio legato al fegato. Il fegato è infatti un organo molto delicato, perché rimuove gli scarti del sangue e di altri organi. Se ci si sveglia sempre alla solita ora, probabilmente non si sta conducendo una vita sana, ingerendo quantità eccessive di alcool, caffè e cibi che ne affaticano il funzionamento. Inoltre, nelle credenze orientali il fegato è l’organo associato a rabbia e frustrazione. Il detto recita: “ci si rode il fegato”! Per risolvere questo blocco di energia, solitamente la medicina cinese ricorre all’agopuntura e ai massaggi per restituire l’equilibrio all’organo.

4) Dalle 23:00 all’1:00: cistifellea

Attenzione alla cistifellea! Se non si prende sonno in questa fascia oraria potrebbe voler dire che si hanno problemi di calcoli o nella corretta digestione. Inoltre, per l’antica medicina orientale questo organo è collegato all’ansia. Solitamente questa emozione potrebbe essere legata alla scarsa autostima e fiducia in se stessi, che potrebbero sfociare in risentimento, invidia o, nei casi peggiori, depressione.

5) Dalle 21:00 alle 23:00: tiroide

Questa è una fascia oraria delicata perché riguarda le primissime ore di sonno. Se non si riesce a dormire in questo lasso di tempo, o se dopo poco ci si sveglia all’improvviso, il problema è da ricercare nella tiroide. Probabilmente si hanno problemi di metabolismo, e a livello psicologico questo potrebbe indicare uno stato di forte stress da monitorare assolutamente.

Ora sappiamo quale potrebbe essere la causa dei nostri problemi di insonnia, ma come fare per riguadagnare benessere e serenità? Continua a leggere:

1) Camminare di più

I ricercatori della Brandeis University del Massachussets hanno chiesto a un campione di persone di aggiungere al loro percorso quotidiano, come quello casa-lavoro, altri 2mila passi. Per capire se camminare di più avesse un impatto positivo sul sonno, i ricercatori hanno poi sottoposto i partecipanti a un questionario. I risultati della ricerca hanno rivelato che camminare di più durante la giornata a scaricare stress e tensioni, favorendo maggiore qualità e quantità del sonno.

2) Sane abitudini pre-sonno

La maggior parte di noi è abituata ormai a guardare lo schermo del cellulare o la famosa “ultima puntata” di una serie TV fino a notte inoltrata. Il livello di illuminazione dello schermo, se elevato, disattiva la melatonina (l’ormone del sonno), trasmettendo al nostro cervello la sensazione che sia giorno. È consigliabile anche evitare di fare attività fisica prima di coricarsi, e riservare questo tipo di attività alle ore mattutine o pomeridiane. Piuttosto, leggete un libro, o fate un bel bagno caldo, magari con una tazza di tè deteinato o di infuso, e qualche candela profumata.

3) Pet therapy

Non ci crederete, ma coccolare e occuparsi di un animale, se lo avete, è un vero e proprio toccasana per l’umore e la sensazione di appagamento affettivo. Le coccole infatti così come anche gli abbracci e le risate, provocano il rilascio di endorfine, responsabili della sensazione di benessere, fondamentale per un sonno di qualità.

4) Pollice verde

Dedicarsi al giardinaggio, anche semplicemente occupandosi delle proprie piante da appartamento, potrebbe aiutare a sentirsi meglio e a tenersi impegnati. Prendersi cura delle piante ci può far sentire molto più a contatto con la natura. Questo induce un senso di rilassamento che concilia poi il sonno durante le ore notturne.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo su Facebook!