Al giorno d’oggi, sono ancora tante le donne che esitano nel parlare apertamente delle proprie mestruazioni. L’argomento è ancora considerato a tutti gli effetti un tabù. Quante volte vi siete “nascoste” per andare a cambiare l’assorbente in bagno? O quante altre vi siete sentite in imbarazzo, o male, o in difficoltà durante le vostre “cose”?

Secondo l’opinione di alcuni antropologi, questo fatto risale al neolitico e all’instaurazione del patriarcato quando, il fatto che una donna manifestasse delle perdite di sangue, era simbolo di debolezza e impurità. La scienza e la religione hanno successivamente contribuito al persistere di questa credenza.

A causa dei cambiamenti ormonali, durante la fase mestruale alcune donne avvertono una sensazione di scombussolamento, mentre altre possono soffrire di ulteriori e differenti disturbi. In più i tabù ancora persistenti nelle nostre società non aiutano e, ad oggi, non possiamo dire di conoscere davvero i dolori causati dalle mestruazioni.

Per affrontare nella maniera migliore questo evento ricorrente, scoprite alle seguenti pagine le 11 cose che sono assolutamente da evitare:

1) Tenere l’assorbente troppo a lungo e non leggere le istruzioni per l’uso

Un semplice assorbente, se non cambiato con frequenza durante le mestruazioni, può causare una grave sindrome tossica, ovvero un’infezione legata a una tossina che viene prodotta dal batterio Staphylococcus aureus. Quando si utilizza una protezione igienica come il tampone o l’assorbente, il sangue resta intrappolato, creando un habitat favorevole per lo sviluppo e la moltiplicazione dello Staphylococcus. Questo batterio produce la tossina da shock tossico che ha la capacità di attraversare la parete vaginale e provocare un’infezione del sangue. Alla base di questo problema non vi è tanto il tipo di assorbente, quanto un suo non corretto uso. Non basta lavarsi le mani dopo avere indossato l’assorbente, ma è buona regola farlo già prima. Inoltre, è preferibile cambiare la protezione ogni 4-8 ore e leggere con attenzione le istruzioni per l’uso per verificare quanto a lungo può essere indossato l’assorbente o il tampone.

2) Assumere dei latticini

Durante la fase mestruale, sarebbe meglio evitare l’assunzione di latte, formaggio e yogurt in quanto i latticini sono ricchi di acido arachidonico, che è una delle cause dei crampi. Al posto del latte vaccino, sarebbe dunque preferibile consumare del latte vegetale, ad esempio quello di mandorla o di cocco.

Latticini

3) Farsi la ceretta

In questo periodo, i soggetti femminili sono più sensibili al dolore a causa del basso livello di estrogeni, che di norma rendono la pelle più morbida, elastica e soda. Se possibile, consigliamo dunque alle nostre lettrici di rimandare le eventuali sedute di depilazione in programma dall’estetista.

Ceretta

4) Non proteggersi adeguatamente durante la notte

L’errore di molte donne consiste nell’indossare giorno e notte la stessa protezione. L’ideale, invece, sarebbe di utilizzare degli assorbenti specifici per le ore notturne, così da evitare macchie indesiderate sulle lenzuola e sul pigiama. Anche degli assorbenti fai da te andranno benissimo e avranno la caratteristica principale di essere comodi ed economici.

Una donna dorme

5) Rinunciare allo sport

Molti soggetti decidono di non dedicarsi ad attività sportive durante le mestruazioni, ma siamo sicuri che sia davvero la scelta migliore? In verità, dedicare qualche momento allo sport è consigliato anche e soprattutto a chi soffre di mestruazioni dolorose in quanto aiuta ad alleviare i crampi e a diminuire la generale sensazione di disturbo. Una rinuncia va invece fatta per quanto riguarda il nuoto. Nonostante la pressione dell’acqua riesca a fermare il flusso mestruale, sarà sufficiente ridere, tossire, starnutire o spostarsi troppo rapidamente per innescare nuove perdite di sangue.

Una donna corre

6) Guardare dei film tristi

Durante le mestruazioni molte donne registrano degli sbalzi di umore che le portano dalla più grande gioia alla profonda tristezza nel giro di pochi attimi. Proprio per questo, sarebbe meglio non favorire gli stati d’animo negativi, evitando di guardare i film malinconici o di ascoltare musica strappalacrime.

Amiche guardano un film triste

7) Cibarsi di alimenti con molto sale o zucchero

A causa del basso livello di serotonina, poco prima o durante le mestruazioni è del tutto normale avvertire il desiderio di cibarsi di alimenti particolarmente zuccherati o salati, come ad esempio le patatine. Dal momento che in generale si tratta di alimenti non salutari, in alternativa sarebbe meglio mangiare della frutta e dei legumi, ricchi di minerali e vitamine.

Desiderio di dolci

8) I rapporti non sicuri

Rimanere incinta durante le mestruazioni è difficile, ma non impossibile. Per evitare delle gravidanze fuori programma, non bisognerebbe dunque abbassare la guardia e avere sempre dei rapporti con protezioni. Non va inoltre dimenticato che, durante questo particolare periodo, il rischio di contrarre delle malattie correlate risulta superiore alla norma.

9) Portare sempre lo stesso assorbente

L’igiene gioca un ruolo fondamentale, in particolare nel corso di giornate lavorative lunghe e stressanti. Proprio per questo motivo, è buona consuetudine cambiare il proprio assorbente ogni tre ore al fine di evitare odori sgradevoli nonché ostacolare la formazione di batteri potenzialmente dannosi.

Assorbente

10) Indossare i pantaloni bianchi

I pantaloni bianchi hanno un fascino indiscutibile. Ciò nonostante, sarebbe meglio non indossarli in concomitanza con l’insorgere delle mestruazioni. Anche se la tentazione si fa sentire, vi consigliamo di resistere e di non indossare questo capo perché, nel caso di ciclo abbondante, potreste incorrere nel pericolo di macchiarlo e, si sa, sui pantaloni bianchi una macchia è molto più evidente che su quelli scuri.

Donna con pantaloni bianchi

11) Cercare di giustificarsi

Se il vostro carattere si farà scontroso e irascibile, non avrete bisogno di giustificarvi con tutti dicendo di avere le mestruazioni. Cercate invece di mantenere una certa distanza e di far capire alle persone che vi stanno accanto che avete bisogno di concedervi qualche momento per voi. A quel punto, potrete dedicarvi a delle attività rilassanti che serviranno a distrarvi e a migliorare il vostro umore.

Donna si isola

Ti è piaciuto questo articolo? Allora condividilo su Facebook!