unghie-forti

unghie-fragili

Le vostre unghie si rompono con facilità e siete convinte che non riuscirete mai ad avere delle belle mani, con unghie tutte della stessa lunghezza e con la stessa forma? Se la risposta è sì, dovete leggere questo articolo. Bastano infatti pochi gesti e un pizzico di cura per ottenere mani perfette, magari da sfoggiare con un bellissimo smalto. Mani da pubblicità, diciamo 🙂

Vi darò passo passo tutti i consigli che vi servono.

Ma iniziamo con un’informazione essenziale: perché le vostre unghie sono così fragili?

mordersi-unghie

Perché le vostre unghie si rompono / volume 1

Ragazze niente panico: le mani perfette non sono un sogno raggiungibile a suon di sacrifici. Però è vero che la cura quotidiana è un ingrediente fondamentale delle mani perfette. Quindi, calma e gesso: non stiamo cercando di risolvere un problema temporaneo, vogliamo controllare e curare lo stato delle nostre unghie giorno dopo giorno. Qui sotto vi elenco una serie di cause che rendono le unghie fragili. Anzitutto ci sono le cattive abitudini:

  1. Usare detergenti e prodotti per la pulizia molto aggressivi senza aver prima indossato i guanti (il classico esempio: lavare i piatti)
  2. Fare la doccia, o anche solo lavarsi le mani, con acqua molto calda
  3. Utilizzare le unghie come se fossero degli strumenti di lavoro e sottoporle così a grossi sforzi (che possono essere il far leva sull’unghia per aprire qualcosa o il raschiare le superfici)
  4. Avere sempre le mani in bocca: non solo mangiare le unghie è deleterio, ma anche “giocarci” o stuzzicarle.

unghie-opache

Perché le vostre unghie si rompono / volume 2

Queste invece sono cause legate a una errata conoscenza della manicure:

  1. Limare le unghie con molta forza
  2. Portare sempre lo smalto, senza mai toglierlo

Infine ci sono cause più “sistemiche”, che hanno a che fare con il nostro stato di salute generale:

  1. Avere una dieta squilibrata e fumare
  2. Non bere a sufficienza (disidratazione)
  3. I funghi (onicomicosi)

unghie-sfaldate

Che aspetto hanno le unghie malate?

Unghie poco sane possono per esempio crescere in modo non uniforme, presentarsi con forme irregolari o, peggio, con un colore innaturale (per capirci: le unghie giallognole o opache stanno dicendoti che non se la passano molto bene), sfaldarsi e, ultimo ma più importante: rompersi facilmente e senza apparente motivo. Adesso che la parte di “diagnosi” è stata adeguatamente portata a termine, passiamo ad esplorare tutte le precauzioni e rimedi per unghie fragili che devono diventare bellissime!

soia

1) Aumenta il consumo di proteine

Esattamente come i capelli, anche le unghie sono composte da proteine. Proprio per questo è necessario seguire una dieta equilibrata, perché eventuali carenze si ripercuotono immediatamente sulle unghie, che si indeboliscono e si sfaldano. Ecco un suggerimento per migliorare il vostro apporto proteico: consumate carne bianca e soia.

guanti-piatti

2) Lava i piatti con i guanti

Detersivi e prodotti per la pulizia domestica sono molto aggressivi e danneggiano le unghie, poiché l’azione delle sostanze chimiche le indebolisce e ne facilita la rottura. Quindi, non sono solo i piatti che vanno lavati indossando i guanti: per tutte le faccende domestiche è importante mettere al riparo le mani. La combinazione migliore sarebbe riuscire a lavare i piatti una sola volta al giorno o, almeno, evitare di tenere le mani immerse in acqua a lungo.

olio-semi-lino

3) Gli acidi grassi sono amici delle unghie

Quando parliamo di “acidi grassi” intendiamo quelli “buoni”, ovvero quelli contenuti nella frutta secca, nelle verdure, nel latte e nel burro. Essi sono fondamentali per la salute di unghie e pelle. In questo senso, l’alimento in assoluto più interessante per voi è l’olio di semi di lino: cercate di consumarne un cucchiaino al giorno oppure, se non vi piace l’idea di “bere” dell’olio, potete cercare di reperirlo in capsule.

unghia-spezzata

4) Niente feriti! (o del perché le unghie rotte vanno riparate subito)

Non procrastinate. Se vi trovate con un’unghia spezzata o strappata, evitatele ulteriori stress: limatela il prima possibile ed eviterete così il rischio che rimanga impigliata in qualcosa, facendovi male e offrendovi il pretesto per tagliarla con i denti.
Soluzione d’emergenza: solo in determinati casi (senza esagerare quindi!) per riparare un’unghia che si rompe è possibile utilizzare un poco di colla liquida. Applicatela sui lembi di unghia rotti, lasciate che si secchi e poi limatela bene per eliminare i dislivelli. Infine, applicate uno strato di smalto trasparente.

unghie-corte

5) Unghie corte: più belle, più facili

Una mano con unghie lunghissime è decisamente affascinante, inutile negarlo. Però è indiscutibile anche che le unghie lunghe siano molto più soggette a rotture o a disomogeneità. Mantenere le unghie a una lunghezza standard – fino alla punta delle dita o poco più lunghe – impedisce loro di spezzarsi così frequentemente e, soprattutto, non dimenticate che oggi le unghie corte ben smaltate sono all’ultima moda. A chi non piace vedere 10 bottoncini rosso fuoco che digitano sulla testiera di un computer?

unghie-acetone

6) Smalto q.b.

Per avere le unghie sempre in ordine, molte donne le tengono sempre smaltate. Se dal punto di vista estetico e del risultato questo è un ottimo stratagemma, per la salute delle vostre unghie invece lo è un po’ meno. Infatti, quando le unghie sono coperte dallo smalto non riescono a “respirare” e questo può peggiorare una situazione di fragilità o, peggio, provocarla. Il meglio sarebbe togliere lo smalto una volta a settimana, almeno per una giornata, per far riposare un po’ le unghie. Ovviamente, se non vi piace il loro aspetto o temete che possano spezzarsi, potete optare per questa soluzione: lasciatele “nude” solo durante la notte e applicate lo smalto la mattina successiva.

Da controllare anche i prodotti che utilizzate per rimuovere lo smalto. Il discorso è il medesimo che si faceva per i detergenti chimici: la maggiore parte dei prodotti per la rimozione dello smalto è infatti a base di acetone, che è notoriamente un liquido molto aggressivo e può danneggiare le unghie in modo importante. Molto meglio sarebbe utilizzare prodotti più naturali o a base di olio.

unghie-finte

7) La bacchetta magica non esiste

Avete preso in considerazione di risolvere il vostro problema con l’applicazione di unghie finte o smalti indurenti? Questa può essere un’ottima soluzione se dovete “affrontare” un’occasione speciale – una festa o una cerimonia (il vostro matrimonio per esempio!) – ma ricorrere costantemente a questo tipo di “artifici” riduce la salute delle vostre unghie in modo davvero drastico.

Per quale motivo? Anzitutto, c’è un motivo meccanico tanto semplice quanto poco considerato: l’unghia finta viene applicata solo dopo aver limato a lungo quella vera. Secondo motivo: i prodotti utilizzati per applicare in modo stabile l’unghia sono colle che impediscono a quello che resta sotto di respirare. Questo espone l’unghia all’insorgere di funghi o altre micosi che si nutrono della mancanza di ossigeno o di strati di umidità che rimangono intrappolati durante la lavorazione.
unghie-rotte

8) Le tue unghie non sono un badile!

Sembra un’ovvietà, ma va detto perché è una delle cause più diffuse delle unghie spezzate. Perciò, mi raccomando ragazze: le unghie non vanno utilizzate per staccare etichette, non vanno infilate in interstizi che dovete allargare, non servono per aprire barattoli, per stappare lattine, per grattare via lo sporco della superfici! Per queste esigenze dovete avere la pazienza di usare strumenti specifici come le forbici, le spatole, i coltelli, etc.

unghie-crema

9) Manicure settimanale

Non è necessario andare dall’estetista e spendere un patrimonio. Potete farlo voi stesse nel tempo libero, per esempio quello del fine settimana. Come procedere: anzitutto togliete lo smalto, esfoliate bene con un composto di sale e olio d’oliva, limate le unghie per ottenere una lunghezza omogenea, applicate una crema idratante, massaggiando dalle cuticole in su, lasciate che si asciughi e poi rimettete lo smalto.

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo su Facebook e fallo sapere a tutte le persone che ti stanno a cuore!