Pulizia-viso-fai-da-te

Quando parliamo di pulizia del viso non ci riferiamo alla beauty routine quotidiana ma ad una detersione, esfoliazione ed idratazione profonda. Per chi non ha particolari esigenze, è consigliabile farla circa 4 volte l’anno, magari in corrispondenza del cambio di stagione. Per chi invece ha una pelle particolarmente grassa e oleosa o che spesso viene esposta a smog, sole, vento e freddo, il trattamento può essere fatto anche una volta al mese.

 

La pulizia del viso permette alla pelle di respirare e di rigenerarsi, liberandola dalle cellule morte e dai residui di impurità. Può essere fatta anche in casa utilizzando prodotti naturali e di qualità. Sarà sufficiente dedicarvi il giusto tempo per ottenere effetti degni di un trattamento professionale.

L’ideale sarebbe riuscire a dedicare una mattina o una sera al vostro viso cadenzando il trattamento ad intervalli regolari lungo tutto l’anno. Adottando questa buona abitudine, abbinata ad una corretta skin care quotidiana, il vostro viso apparirà sempre al meglio: luminoso, levigato e disteso.

Scopriamo allora insieme quali step dobbiamo affrontare per una corretta pulizia del viso fai da te:

1) Il primo step per una pulizia del viso fai da te efficace: detergere la pelle

Il primo passo per una corretta pulizia del viso fai da te è detergere la pelle. Quando iniziamo il trattamento, il viso deve essere pulito e libero da ogni traccia di trucco o impurità. Per detergere il volto è bene scegliere un prodotto poco aggressivo e che rispetti le caratteristiche della vostra pelle: sebo-regolatore se è mista o grassa, idratante se è secca, delicato se è sensibile.

pulizia-viso-fai-da-te-detersione

2) Aprire i pori

Una volte che il viso sarà ben pulito ed asciutto, il passaggio successivo della pulizia del viso fai da te è aprire i pori della pelle. Questo favorirà l’eliminazione del sebo in eccesso, dei brufoli e dei punti neri. Il modo migliore per aprire i pori è con il vapore. Dedicate almeno 5/10 minuti ai suffumigi, preparando una ciotola di acqua bollente con l’aggiunta di 2 cucchiai di bicarbonato. Quando la miscela sarà pronta e fumante potrete accostarvi il viso, coprendo il capo con un asciugamano per un effetto sauna. Per coccolarvi un po’ potete anche aggiungere qualche goccia di olio essenziale: alla lavanda per un effetto rilassante, agli agrumi per una dose extra di energia.

pulizia-viso-fai-da-te-suffumigi

3) I consigli per le pelli grasse e oleose

Se la vostra pelle è particolarmente grassa, in ogni fase della pulizia del viso fai da te, è necessario utilizzare prodotti che la possano riequilibrare. Al suffumigio, potete aggiungere un cucchiaino di curcuma, uno di cannella, del tè verde in polvere o qualche goccia di olio essenziale al rosmarino. Queste erbe e spezie hanno un effetto purificante e decongestionante, ottimo per le pelli più impure.

pulizia-viso-fai-da-te-suffumigi-pelli-grasse

4) I consigli per le pelli secche e sensibili

Le pelli secche e sensibili sono particolarmente delicate e spesso tendono ad arrossirsi. Per questo motivo, oltre a limitare il tempo del suffumigio a non più di 5 minuti, è bene aggiungere all’acqua bollente sostanze dalle proprietà lenitive e calmanti. Meglio dunque evitare il bicarbonato, mentre sono ottimi i fiori di camomilla o di calendula essiccata. Passiamo, nel prossimo punto, ad un altro step fondamentale della pulizia del viso fai da te.

pulizia-viso-fai-da-te-suffumigi-pelli-secche

5) Lo scrub fai da te

Dopo l’esposizione al vapore è necessario sciacquare con acqua fresca la pelle del viso, esattamente come quando si fa il bagno freddo dopo la sauna. Una volta tamponato con una asciugamano, siamo pronti per un’altra fase della pulizia del viso fai da te: l’esfoliazione. Il più celebre ed efficace scrub fai da te è quello a base di miele e zucchero di canna. Basta applicare il composto sul viso, massaggiare delicatamente per 5 minuti, lasciare in posa per altri 5 e risciacquare con acqua tiepida.

pulizia-viso-fai-da-te-scrub

6) Scrub fai da te per pelli grasse

Quando la pelle è mista o grassa, tende ad essere lucida e a favorire la comparsa di brufoli e punti neri, per questo lo scrub che si usa per la pulizia del viso fai da te debe essere diverso. Potete aggiungere al composto base di miele e zucchero di canna anche un cucchiaino di bicarbonato. In alternativa, potete realizzare un scrub molto granuloso utilizzando sale grosso, miele e succo di limone.

pulizia-viso-fai-da-te-scrub-pelli-grasse

7) Scrub fai da te per pelli sensibili

Quando la pelle è secca e sensibile è fondamentale che ogni passaggio della pulizia del viso fai da te apporti idratazione e nutrimento. Per questo motivo al composto base di miele e zucchero di canna potete aggiungere un cucchiaino di olio di oliva. Un’altro ottimo scrub fai da te estremamente indicato per le pelli che tendono al rossore e alle screpolature può essere preparato con 2 cucchiai di olio di cocco, zucchero e qualche goccia di limone.

pulizia-viso-fatta-in-casa-scrub-pelli-sensibili

8) Terminare la pulizia del viso fai da te con una maschera

Finito lo scrub e risciacquato il viso si passa alla fase della pulizia del viso fai da te di idratazione della pelle: il momento della maschera. Di maschere ne esistono davvero di tutti i tipi: in crema, in tessuto, formato patch. Il suo compito è quello di nutrire la pelle in profondità, purificarla ed illuminarla. Solitamente il tempo di posa varia dai 15 ai 30 minuti a seconda del tipo di pelle; per quelle più delicate sarà sufficiente il quarto d’ora, per quelle miste, grasse e impure un periodo più lungo.

pulizia-viso-fai-da-te-maschera

9) Maschere fai da te per pelli grasse

Ecco 2 ricette base per un’ottima maschere per pelli grasse con cui concludere la pulizia del viso fai da te. La prima la potete ottenere miscelando un cucchiaio di miele con il succo di mezzo limone. Il primo ingrediente, lenitivo e ricco di nutrimento, aiuterà a rendere più delicata l’azione astringente e purificante dell’agrume che, diversamente, potrebbe causare prurito. La seconda maschera invece la potete preparare con polvere di argilla bianca e aceto di mele. È importante utilizzare questo tipo di maschere solo dove servono: solitamente infatti le parti del viso più grasse si concentrano nella zona T (fronte, naso, mento). Meglio applicare questo tipo di composti solo dove ce n’è davvero bisogno, per evitare che la pelle di zigomi e guance si secchi troppo. 

pulizia-viso-fai-da-te-maschera-pelli-grasse

10) Maschere fai da te per pelli delicate e secche

Per concludere la pulizia del viso fai da te, ecco 2 maschere per le pelli secche e delicate. La parola chiave è nutrimento. Questi tipi di pelle necessitano di una dose extra di vitamine e minerali per rimpolpare, ammorbidire ed elasticizzare i tessuti. I frutti ricchi di proprietà benefiche, come la banana o l’avocado, possono essere utilizzati come ingredienti principali di una maschera fai da te accompagnati da olio d’oliva, miele o yogurt. Se la pelle è particolarmente provata dal freddo e dall’arsura provate ad aggiungere al miele l’olio di mandorla, di cocco o di oliva.

pulizia-viso-fai-da-te-maschera-pelli-secche

11) Pulizia del viso fai da te: la cura del contorno occhi

Una volta terminato il tempo di posa della maschera ed aver risciacquato accuratamente il viso con acqua tiepida, è il momento di dedicarsi al contorno occhi. Questa zona è particolarmente delicata e non bisogna assolutamente sollecitarla con lo scrub e la maschera. La pelle del contorno occhi è molto sottile e per questo motivo stanchezza e prime rughe si manifestano lì più facilmente che in altre zone. Per prendersene cura ed avere uno sguardo disteso esistono moltissimi prodotti specifici ma è possibile fare qualcosa anche a casa. Oltre all’intramontabile fetta di cetriolo, utile per la grande quantità di vitamine contenute al suo interno, un ottimo trattamento è il freddo. Provate a tenere in freezer dei dischetti di cotone, precedentemente imbevuti di acqua e camomilla. Appoggiateli delicatamente sugli occhi chiusi e lasciateli fino a quando non si saranno completamente sciolti. 

pulizia-viso-fai-da-te-contorno-occhi

12) Tonico

Il compito del tonico è quello di rinvigorire la pelle, renderla elastica e luminosa. Consigliato anche durante la beauty routine quotidiana, è indispensabile dopo la pulizia del viso profonda perché la cute deve essere riequilibrata dopo i trattamenti subiti. Oltre alla classica acqua di rose, estremamente efficace, possiamo utilizzare come tonico anche un infuso (meglio se conservato in frigo) a base di camomilla o tè verde. Questa fase della pulizia del viso fai da te è fondamentale.

pulizia-viso-fai-da-te-tonico

13) Tonico per pelli grasse

Se la vostra pelle è particolarmente grassa, un’ottima soluzione per la pulizia del viso fai da te è preparare un flacone di acqua arricchito da 2 gocce di olio essenziale alla lavanda e 2 di olio essenziale di limone. Per applicarlo potete utilizzare un batuffolo di cotone oppure un nebulizzatore che ne permette un facile assorbimento anche senza massaggio. In estate, conservate il vostro tonico preferito in frigo, la pelle vi ringrazierà!

pulizia-viso-fai-da-te-tonico

14) Crema idratante

Una corretta pulizia del viso fai da te si conclude con un velo di crema idratante. Anche in questo caso è bene scegliere in base alle esigenze della propria pelle così da preferire una consistenza più leggera per la cute mista e grassa ed una più burrosa per quella secca. Fondamentale quotidianamente, la crema per il viso ha molteplici compiti. Il primo è quello di fornire un nutrimento alla nostra pelle, il secondo è quello di creare una barriera protettiva tra il nostro viso, lo smog e gli agenti atmosferici. Il terzo riguarda in particolar modo le donne che hanno l’abitudine di truccarsi: la crema idratante fornisce un’ottima base per il make-up permettendo a quest’ultimo di durare più a lungo ma, nello stesso tempo, proteggendo la pelle dal cosmetico.

pulizia-viso-fai-da-te-crema-viso

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo su Facebook!

Leggi anche:

Make-up anti age: come ringiovanire usando un velo di trucco

Scrub viso e labbra al cacao amaro con olio di cocco: come realizzarlo

Collagene: ecco quali alimenti lo stimolano per una pelle tonica ed elastica