Cosmetici
Advertisement

Shampoo, creme e cosmetici spesso, nonostante abbiano una buona qualità, nascondono 2 sostanze dannose per la fertilità e la gravidanza nelle donne. In base alle analisi svolte, i due ingredienti chimici sono risultati essere tossici per la salute dell’uomo a livelli compromettenti. L’UE è stata allertata e ha disposto il bando dei due interferenti endocrini nei cosmetici, dal 1° marzo.

Quali sono le 2 sostanze e perchè sono dannose

Le due sostanze che verranno messe al bando perchè ritenute dannose sono: lo zinco piritione e il Buthylfenil Methylpropional.

Advertisement

Il primo è usato spesso negli shampoo come agente antiforfora, ma anche in creme e altri cosmetici come conservante. Il secondo invece, viene usato molto spesso per dare una buona profumazione ai cosmetici e si trova anche sotto il nome di Lilial.

Le due sostanze sono state ritenute dannose perchè interferenti endocrini e, quindi, tossiche per la riproduzione dell’uomo. Soprattutto nella donna, l’uso di questi ingredienti su corpo e capelli può creare problemi al feto in gravidanza, oltre che interferire con la sua fertilità.

I provvedimenti UE per bandire gli interferenti endocrini

Il CSSC, il Comitato scientifico per la sicurezza dei consumatori ha allertato l’Unione Europea sul pericolo di queste sostanze. Infatti, l’organo si preoccupa di controllare gli effetti chimici e fisici degli agenti contenuti nei prodotti cosmetici, sulla salute dell’uomo. Proprio per questo UE ha stabilito che, dal 1° marzo, questi due interferenti endocrini non dovranno più essere inseriti in nessuno prodotto non-alimentare. Le aziende sono state già avvisate per tempo, dunque dalla data indicata non dovrebbero inserirle più. Rimane il suggerimento dagli esperti, di controllare le etichette dei prodotti per un acquisto consapevole e sicuro.

Leggi anche:

Cosmetici: come leggere l’Inci per acquistare in modo consapevole

INCI: come riconoscere gli ingredienti da evitare nei cosmetici

Cosmetici: la lista delle sostanze tossiche che devi evitare