Con l’arrivo della bella stagione cresce l’esigenza di mostrarsi in piena forma. Dopo tante rinunce però, la pelle a buccia d’arancia è ancora ben visibile.
La cellulite è un problema che riguarda la maggior parte delle donne. Circa il 90% dichiara di essere affetta da questo tipo di inestetismo cutaneo, anche se può colpire gli uomini, la ritenzione idrica si manifesta nei frequenti cambi ormonali che intercorrono durante l’arco della vita femminile.

Tipi di cellulite

Prima di essere un inestetismo cutaneo, la cellulite è il sintomo di una patologia del sistema circolatorio che può peggiorare nel tempo. Quando si manifesta un rallentamento nel sistema venoso, il derma e l’ipoderma dove sono presenti le cellule adipose, si infiammano. A causa di questo, le riserve di grasso accumulate dal nostro organismo non vengono bruciate e, accumulandosi, ostruiscono i capillari. La cellulite se trascurata potrebbe evolversi in tre stadi.
La prima fase, edematosa: è difficile da riconoscere perché si presenta un leggero gonfiore sottocutaneo ma, la pelle è ancora tonica, anche se con il passare del tempo le tossine che ristagnano provocano perdita di tono e gonfiori percepibili al tatto.
La seconda fase, fibrosa: è il momento in cui la pelle a buccia d’arancia è ancora poco visibile ma la dilatazione dei capillari crea una notevole perdita di elasticità dell’epidermide.
La terza fase, sclerotica: la grave insufficienza del sistema capillare e circolatorio lega i noduli di grasso tra loro rendendo la pelle gonfia e con segni evidenti di ritenzione idrica.

La cannella come rimedio naturale

Le cause della cellulite possono essere molteplici: la vita sedentaria, il consumo eccessivo di zuccheri e caffè, le cattive abitudini come il fumo, l’uso di abiti troppo aderenti, la stitichezza, la vita sedentaria e i cambiamenti ormonali.
Quindi, combattere e debellare la pelle a buccia d’arancia non è compito da poco.
Un dolce rimedio arriva con la cannella; infatti, una recente indagine condotta dai dermatologi dell’Università francese di Grenoble ha costatato che l’estratto di cannella è davvero utile per contrastare la cellulite.
La ricerca, su un campione di 80 donne divise in due gruppi, ha evidenziato come sulla pelle delle donne trattata con massaggi accompagnati da prodotti con estratti di cannella, si possano ottenere grandi risultati di riduzione dell’accumulo adiposo, fino al 60% rispetto al gruppo di donne trattate solo con massaggi.
Possiamo quindi beneficiare dell’efficacia della cannella attraverso massaggi fai da te con l’olio essenziale nelle zone maggiormente colpite e integrando nella dieta quotidiana un infuso di immergendo per cinque minuti due stecche di cannella, oppure utilizzando un cucchiaino di quella in polvere.

uid_133a1551d89.650.340