Allergia: quali creme usare per proteggere la pelle dalla disidratazione

In primavera ed estate i soggetti allergici cominciano a riscontrare molti fastidi. Basta la vicinanza a un polline particolare che il sistema immunitario si mette in allerta provocando reazioni cutanee, prurito, occhi rossi e difficoltà respiratorie. Una delle conseguenze dell’allergia è la disidratazione e desquamazione della pelle del viso e del corpo; per evitarla occorre utilizzare delle creme specifiche.

Cosa succede alla pelle in presenza di allergia

Polline, polvere e altre molecole possono provocare reazioni allergiche. Quando un soggetto soffre di allergia il suo sistema immunitario reagisce in modo violento alle sostanze esterne, cercando di debellarle. I sintomi sono riconducibili a: continui starnuti, lacrimazione, occhi rossi e uno stato generale di malessere.

Anche la pelle del viso e del corpo risente molto degli effetti dell’allergia con la comparsa di eruzioni cutanee, eczema e orticaria. Il tessuto cutaneo diventa più sensibile e, quindi, predisposto ad arrossamenti, infiammazioni, disidratazione e desquamazione. Questo perché aumenta lo stress dell’organismo che attacca il film idrolipidico protettivo della pelle che perde la sua la sua idratazione diventando molto secca.

Come curare gli effetti dell’allergia sulla pelle

Non sempre è possibile prevenire la secchezza della pelle derivante dagli effetti dell’allergia; ma utilizzare i prodotti giusti può portare benefici.

Nella fase allergica in cui la pelle è più sensibile si consiglia l’utilizzo di creme idratantiprotettivelenitivecalmantiemollienti rigeneranti.

Meglio evitare scrub o prodotti esfolianti che andrebbero ad aggredire e irritare le zone per le motivazioni già citate. Anche la vitamina C e il retinolo, retinoidi, alcol e profumi è meglio metterli da parte per un po’. Ceramidi, peptidi e acido ialuronico sono, invece, consigliati.

Come suggerisce Elle, per aiutare la pelle in fase allergica si consiglia l’uso dei cosiddetti petrolati. Solitamente questa sostanza chimica si evita perché crea impurità sulla pelle; in questo caso, però, sono utili perché sigillano i pori in modo che l’acqua venga trattenuta dal tessuto cutaneo.

In questo modo, la pelle dovrebbe rimanere molto più idratata e si dovrebbe riuscire a prevenire in parte la desquamazione.

Leggi anche:

Luce blu: come dimezzare i danni su pelle, occhi e viso

Carbone vegetale: 2 maschere viso fai-da-te per purificare la pelle

Allergie: ecco quali sono gli alimenti consigliati e quelli da evitare

Pubblicità

Potrebbe interessarti