Consumo eccessivo di zucchero
Advertisement

Quasi tutti amano e utilizzano lo zucchero quotidianamente. Anche se non è un alimento di cui si può abusare, si trova praticamente ovunque. Infatti il suo eccessivo impiego nelle ricette culinarie può creare seri problemi di salute sia negli adulti che nei bambini.

Questo dolcissimo alimento può anche creare una vera e propria dipendenza, provocando non solo l’aumento di peso, ma anche disturbi all’intero organismo degli individui che ne sono affetti.

Advertisement

Ecco perché è importante fare attenzione ai segnali del nostro corpo.

Per eliminare la dipendenza da zucchero è necessaria una vera e propria disintossicazione, affinché l’organismo non ne senta più un continuo bisogno. A questo proposito, nel corso di questo articolo, vedremo anche quali sono i 10 alimenti che ne contengono maggiori quantità e 10 alternative salutari.

Cominciamo a scoprire i 5 segnali che indicano un eccessivo consumo di zucchero:

1) Problemi alla pelle e ai piedi

Tra i problemi causati dall’assunzione smodata di zucchero, alcuni riguardano pelle e piedi. Ad esempio, come ha anche spiegato un famoso podologo di New York, il dott. S. Green, all’origine di patologie come la fascite plantare potrebbe nascondersi proprio l’abuso di zuccheri: dolori ai talloni, alla pianta dei piedi, infiammazioni della pelle (eczema, rosacea o acne), occhiaie nere? Attenzione, è un primo segnale di allarme!

Problemi a pelle e piedi

2) Zero energie e spossatezza

Un altro segnale della dipendenza da zucchero e di un uso eccessivo è una costante spossatezza senza causa specifica. Sembra una contraddizione. Di solito la prima cosa che fai se, ad esempio, hai un calo di pressione è sciogliere una bustina di zucchero in un bicchiere d’acqua. Invece, sebbene zuccheri e carboidrati diano una carica energetica al nostro corpo, allo stesso tempo vengono consumati in fretta ed espulsi più velocemente di quanto immaginiamo, lasciandoci a secco.

Troppo zucchero causa spossatezza

3) Raffreddore e influenza cronici

Gli alimenti ricchi di zuccheri, se in eccesso, agiscono negativamente sul sistema immunitario. Bruciandoli molto in fretta e senza sosta, infatti, il nostro organismo perde progressivamente la capacità di contrastare virus influenzali e raffreddori stagionali in maniera efficace.

Mancanza di energia e spossatezza

4) Aumento di peso e diabete

Sono forse due delle conseguenze più conosciute. In questi casi cosa accade? Le nostre cellule riducono la propria sensibilità all’insulina, l’ormone che permette al glucosio di arrivare nel sangue; pertanto, il nostro corpo ne rilascia una maggiore quantità, che però non riesce ad essere correttamente e totalmente assorbita. In questo modo spesso si sfocia nel diabete.

Troppo zucchero sfocia in aumento di peso e diabete

5) Dipendenza

Assumendo quotidianamente grandi quantità di zuccheri, si rischia di sviluppare una vera e propria dipendenza. Succede anche con il salato. Ti è mai capitato di desiderare più volte al giorno, tutti i giorni, “qualcosa di dolce”? In questi casi, come per tutti i precedenti, è sempre consigliabile affidarsi a dei professionisti per ricondurre le proprie abitudini sulla “retta via” di una vita equilibrata.

Mangiare spesso troppo zucchero causa dipendenza

Abbiamo imparato a riconoscere i segnali che il corpo ci dà se assumiamo troppi zuccheri. Ma vediamo ora quali sono i 10 alimenti che contengono alte percentuali di zucchero a nostra insaputa:

1) Alcool

Nelle diete dimagranti è uno dei primi a essere eliminato ma, anche in condizioni normali, non bisogna abusarne. L’alcool infatti, una volta sintetizzato dal nostro organismo, si trasforma per la maggior parte in zuccheri. Il peggio? I cocktail a cui vengono aggiunti sciroppi e succhi di frutta.

Vodka

2) Yogurt magro

Lo yogurt, specialmente se magro, è un alimento che appare nella maggior parte delle diete dimagranti. Il suo sapore acidulo lo rende però difficile da assaporare in purezza, costringendoci così ad aggiungervi cucchiaini di zucchero o miele. Spesso però, capita che siano le stesse case di produzione ad aggiungere sostanze dolcificanti per rendere il sapore più gradevole. Per questo è sempre meglio leggere attentamente le etichette.

3) Succhi di frutta

Sono sicuramente tra le bevande preferite dai bambini, e sono un’ottima alternativa alle bevande gassate, ma non per questo più salutari. Un litro di succo può infatti contenere fino a 100 grammi di zucchero, arrivando addirittura a 200 per i frutti più acidi come mora, ribes e lampone.

4) Cibi surgelati

Forse non tutti sanno che lo zucchero viene usato nella preparazione degli alimenti surgelati come addensante. E non stiamo parlando solo di pizze e alimenti “grassi”, come patatine o cotolette. Controlla anche l’etichetta degli ingredienti di zuppe, minestroni e verdure in busta, ne sono altrettanto pieni.

5) Sughi pronti

I sughi pronti che usiamo per condire la pasta quando non abbiamo molto tempo a disposizione, sono un vero concentrato di zuccheri nascosti. Infatti è molto importante controllare l’etichetta e ricercare la dicitura “zucchero” tra gli ingredienti. In generale, è sempre consigliabile una preparazione casalinga, ma qualora non dovesse essere possibile, fai attenzione!

6) Insaccati

Ecco un altro alimento che forse non pensavi contenesse zuccheri: salame, mortadella, prosciutto sono prodotti che contengono zuccheri in elevate quantità. L’aggravante di questi alimenti è che spesso vengono consumati con del pane, anch’esso elevata fonte di carboidrati e quindi di zuccheri.

cosa-contengono-i-salumi

7) Pane preconfezionato

Il pane, come già detto in precedenza, è già di per sé un alimento ricco di carboidrati. Quello preconfezionato e affettato, come pan carré, panini e pagnotte varie, contiene anche un’aggiunta di quasi un cucchiaino di zucchero per ciascuna fetta.

Zucchero per la preparazione di pane preconfezionato

8) Würstel

C’è chi li adora e chi non li apprezza, ma anche loro rientrano nella categoria di “zuccherati insospettabili”. Oltre a essere ritenuti cibo spazzatura, sono per molto ricchi di zuccheri aggiunti. Insomma, sarebbe meglio evitare di acquistarli e consumarli.

9) Aceto

L’aceto è uno dei condimenti più usati a tavola. Quello balsamico, in particolare, è ricchissimo di glucosio e fruttosio: mediamente, 1 litro di questo tipo di aceto è costituito quasi per la metà da zucchero. Meglio quindi essere parsimoniosi e coscienziosi nel suo utilizzo.

Aceto balsamico con alta percentuale di zucchero

10) Ketchup

Ultimo, ma non meno importante, il ketchup è l’accompagnamento ideale per il cibo fritto. Ma attenzione: puoi percepire già dal suo sapore dolciastro che contenga zucchero. Controlla soprattutto la dieta dei più piccoli, che sono ghiotti di patatine!

Ora che sappiamo riconoscere i segnali del nostro corpo legati a un consumo eccessivo di zucchero, e quali alimenti possono contenerlo in alte percentuali, è il momento di conoscere 10 alternative salutari allo zucchero:

1) Zucchero di canna integrale

Partiamo ovviamente dal sostituto più simile, che in realtà è zucchero prima di essere raffinato. Lo zucchero di canna integrale si estrae direttamente dal succo di canna e si presenta granuloso, marrone, umido e con un leggero retrogusto di liquirizia. Ricco di magnesio e potassio, cattura l’umidità dall’aria, per questo appare più umido rispetto allo zucchero bianco tradizionale.

2) Miele

Un’ottima (e golosa) alternativa allo zucchero bianco è il miele, considerato un perfetto energetico naturale. Questo alimento contiene maltosio, saccarosio, glucosio, fruttosio e destrosio, ma non è adatto ai vegani perché di origine animale. Il suo gusto dolce si adatta bene a dessert, torte e biscotti e ad alcuni cibi salati, in particolar modo ai formaggi. Tuttavia, non è sempre indicato per la preparazione di dolci, dal momento che la cottura può renderne il gusto leggermente amaro.

Miele come zucchero alternativo

3) Sciroppo d’acero

Lo sciroppo d’acero è generalmente associato ai pancake, ma questo dolcificante naturale può essere utilizzato anche per la preparazione di altri dolci e per le bevande. Contiene saccarosio, potassio, vitamine del gruppo B e calcio.

Sciroppo d'acero come alternativa allo zucchero

4) Melassa

Sebbene non sia facile da trovare in commercio, la melassa che deriva dallo zucchero di canna o dalla barbabietola è in grado di dolcificare gli alimenti, fornendo all’organismo una buona quantità di saccarosio, fruttosio, glucosio, acido fosforico, potassio, fibre, minerali e vitamine.

Melassa come alternativa allo zucchero

5) Sciroppo d’agave

Altrettanto dolce e ottimo per dolcificare bevande e alimenti è lo sciroppo d’agave, che contiene un gran quantità di sali minerali e oligominerali.

6) Stevia

Grazie all’elevata presenza di saccarosio, la polvere della stevia è sempre più utilizzata come dolcificante naturale, sebbene non sia adatta a molti alimenti a causa del suo forte retrogusto di liquirizia.

7) Succo di mela

Ricchissimo di vitamine e sali minerali, ma anche molto digeribile, il succo di mela può essere utilizzato per la preparazione di molti dolci.

Succo di mela come alternativa allo zucchero

8) Succo d’uva

In alcune situazioni si può utilizzare il succo d’uva, che deriva dalla bollitura e dalla spremitura di uve, alle quali si aggiungono chiodi di garofano, cannella e limone.

Succo d'uva come alternativa allo zucchero

9) Amasake

Prodotto molto utilizzato nella cucina orientale, l’amasake si ottiene dalla germinazione enzimatica del riso bianco. Può essere gustato anche da solo.

10) Malto d’orzo, sciroppo di riso o di mais

Dalla germinazione dei cereali si ottengono prodotti dall’alto potere dolcificante come il malto d’orzo, lo sciroppo di riso e lo sciroppo di mais. Considerati i più validi sostituti al miele, contengono maltosio, amminoacidi, potassio, sodio e magnesio.

Malto d'orzo come dolcificante alternativo allo zucchero classico

Se l’articolo ti è stato utile, condividilo su Facebook!