proprieta-benefici-carciofo-verdura-alleata-fegato

Conosciuto sin dall’antichità, il carciofo è la verdura principe dell’inverno. Sulle nostre tavole da ottobre a giugno, il carciofo non è solamente un ingrediente gustoso per i nostri piatti ma anche un ottimo alleato per la nostra salute.

Proprietà e benefici del carciofo

La pianta del carciofo è di origine mediterranea e in Italia cresce particolarmente bene, nelle sue diverse varietà, in Liguria, in Toscana, in Lazio e in Puglia. In 100 grammi di prodotto, la cui parte udibile corrisponde all’infiorescenza, troviamo 84g di acqua, 2,7g di proteine, 2,5g di carboidrati e 1,1g di fibra vegetale.

Ad essi vanno aggiunti numerosi minerali e vitamine tra cui il potassio, il ferro, il magnesio, il calcio, sodio, rame, zinco e selenio oltre alle vitamine del gruppo A, B, C, E, K e J. 

Il suo apporto calorico molto basso (circa 40 Kcal per 100g di alimento) lo rendono perfetto anche per le diete ipocaloriche mentre gli antiossidanti e i flavonoidi (betacarotene, zeaxantina e luteina) ne accrescono i benefici per la salute dell’organismo. Il carciofo non ha particolari controindicazioni ma è sconsigliato a chi soffre di calcoli biliari e alle donne in gravidanza o in fase di allattamento perché potrebbe ridurre la portata lattea.

Un alleato per la salute del fegato

L’alta concentrazione di cinarina rende il carciofo un alleato per la salute del fegato. Essa infatti stimola la secrezione della bile che può aumentare fino al 95% rispetto ai valori di base. Il carciofo sostiene ed accelera la detossificazione dell’organismo anche per quanto riguarda il processo di smaltimento dell’alcool. Infine è utile per varie patologie che possono colpire il fegato come l’epatite, la cirrosi e l’ittero.

Il carciofo: ottimo per il benessere dell’organismo

Il carciofo contribuisce al benessere di tutto l’organismo. Aiuta a regolarizzare la pressione sanguigna, riduce il colesterolo cattivo abbassando la glicemia, combatte i radicali liberi e, con il prezioso aiuto della vitamina K, ci protegge dalla degenerazione cerebrale. 

Il carciofo è anche un diuretico naturale ed aiuta la digestione. Per questo motivo, oltre ad assumerlo in deliziose ricette, può essere assunto anche sotto forma di succo, estratto, tisana o integratore, specie se si vuole protrarne il consumo anche fuori stagione. Infine, per incrementare l’assorbimento del ferro, l’opzione migliore è quella di assumerli crudi con una spruzzata di limone.

Leggi anche

Ecco come preparare l’acqua di carciofo, un liquido prodigioso

Fegato: oltre al carciofo, scopri quali sono i migliori alimenti per mantenerlo in salute

Tutti i benefici della carota, un altro alimento alleato del benessere