carboidrati
Advertisement

Molto spesso si dibatte se sia giusto o meno inserire i carboidrati nella propria dieta. L’opinione dei dietologi spesso si divide sull’argomento tra chi sostiene di eliminarli e chi invece li integra nella routine alimentare.

In verità occorre, in primis, fare una distinzione tra carboidrati semplici e complessi. Quelli complessi contenuti nella farina integrale, pane, patate e cereali forniscono energia al corpo, sono molto importanti per il sostentamento e riducono il senso di fame.

Advertisement

Quelli semplici hanno una struttura più corta che l’organismo brucia e assorbe più in fretta, rispetto a quella composta da più polimeri appartenente a quelli complessi.

In entrambi i casi, il consumo eccessivo dei carboidrati può portare a diversi sintomi spiacevoli per il proprio corpo. Sonnolenza, gonfiore e aumento di peso sono solo alcune delle conseguenze che l’organismo segnala per indicare una nutrizione poco bilanciata. Come spesso accade, un’alimentazione equilibrata deve evitare gli eccessi in generale.

Scopriamo insieme i 10 segnali che stai mangiando troppi carboidrati:

1) Sonnolenza e pigrizia

Se ti senti sempre stanco e pigro senza una ragione in particolare, probabilmente stai consumando troppi carboidrati. Infatti, uno dei primi sintomi dell’eccesso di carboidrati nel proprio corpo è la sonnolenza, dovuta all’aumento di zucchero nell’organismo. Le fibre contenute nei carboidrati complessi possono generare un aumento di glicemia che causa stanchezza. A questo punto, la prima cosa da fare è quella di abbinare alla pasta o alle fibre anche delle proteine vegetali e animali per differenziare la dieta.

2) Problemi a dormire nel modo giusto

Molto spesso si cena ad orari sbagliati, senza neanche rendersene conto. Se si ingeriscono carboidrati alle undici di sera, l’organismo non ha il tempo necessario per terminare la digestione perché il metabolismo rallenta e i carboidrati sono più difficili da smaltire. Proprio per questo non si riesce a prendere sonno, visto che l’organismo si attiva prima di andare a letto impedendo che si possa riposare nel modo giusto.

3) Aumento di peso

Non è un mistero che più si mangia e più si ingrassa, ma con i carboidrati questa regola vale di più. Infatti, sia quelli semplici che complessi se mangiati in modo eccessivo portano all’aumento di peso. Perché succede questo? Il motivo è da rintracciare nel fatto che pane, pasta, patate e dolci contengono anche grassi che, se consumati troppo spesso, portano all’accumulo nell’organismo più facilmente. Tutto dipende anche da come si consumano i carboidrati, che spesso vengono accompagnati da condimenti troppo pesanti.

4) Comparsa di acne

Un altro fastidioso segnale che si stanno mangiando troppi carboidrati è la comparsa di acne. Questo fastidio potrebbe essere la causa di un consumo eccessivo di dolci, pizza, pasta e cereali. Il motivo è da rintracciare nel fatto che i carboidrati aumentano gli androgeni, collegati all’acne ormonale. Se, dunque, compare questo fastidioso problema nella zona del mento o intorno alla bocca, potrebbe essere proprio questa la causa.

5) Gonfiore e cattiva digestione

Mangiare troppi carboidrati può causare un gonfiore generale. Lo zucchero contenuto al loro interno induce a diminuire i batteri sani del proprio corpo, che aiutano l’intestino nella digestione. Un consumo eccessivo di pasta, pizza e altri alimenti può causare difficoltà a smaltire il pasto, e per questo il corpo si gonfia notevolmente. Un problema molto fastidioso che può portare anche intensi dolori addominali.

6) Perdita del tono muscolare

Per tutti coloro che praticano sport o che tengono all’estetica del proprio corpo, c’è un segnale da non sottovalutare. Mangiare troppi carboidrati potrebbe portare a una perdita del tono muscolare. Il motivo è che alimenti come dolci, pasta, pizza e altro contengono molti zuccheri. L’aumento eccessivo di zuccheri può portare all‘insulino-resistenza, che non consente all’organismo di sintetizzare i nutrienti che vengono ingeriti. La conseguenza è la perdita di tonicità sui muscoli del corpo.

7) Voglia di mangiare sempre più carboidrati

Può sembrare scontato, ma mangiare troppi carboidrati richiama altri carboidrati. L’eccessivo consumo di questa tipologia di alimenti procura piacere e più se ne mangiano più se ne vorranno mangiare, generando un impulso incontrollabile, alla stregua di una dipendenza. L’unica soluzione è cominciare ad assumerli nelle giuste proporzioni, senza esagerare con le dosi.

8) Sentirsi sempre pieni e appesantiti

Un segnale che si ricollega alla problematica del gonfiore e della cattiva digestione è senza dubbio il sentirsi sempre pieni e appesantiti. Se, a distanza di ore dal pasto, ci si continua a sentire pieni e pesanti, probabilmente si stanno consumando troppi carboidrati. Gli alimenti che contengono zucchero, infatti, possono rendere la digestione difficile e far sentire pieni anche senza un apparente motivo.

9) Sentirsi irritabili in assenza di carboidrati

Se per motivi medici, di salute o di intolleranza si è costretti a privarsi di carboidrati e ci si sente subito più irritabili, vuol dire che se ne è dipendenti. Infatti, un segnale che fa capire che si sta esagerando nell’assunzione di zuccheri e grassi è proprio l’irritabilità nel momento in cui bisogna privarsi o ridurre drasticamente il consumo di carboidrati. Mangiare dolci, pizza e pasta indubbiamente genera piacere producendo serotonina, in loro mancanza il nervoso si fa subito sentire.

10) Infine: i carboidrati fanno bene o male?

Non è possibile dare una risposta univoca a questa domanda. Alcuni dietologi sono convinti che i carboidrati siano una fonte di energia sostituibile con altri alimenti, e che si possa fare a meno di loro. Altri professionisti invece, al contrario, pensano che i carboidrati siano essenziali per il benessere fisico e anche psicologico delle persone. Dunque, la scelta è individuale e varia da persona a persona, quello che sicuramente è consigliabile fare è evitare di lasciarsi andare agli eccessi.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo su Facebook!