cibi concentrazione

Ci sono dei periodi nella vita di ognuno di noi, in cui è necessario avere a disposizione il massimo della concentrazione. Si tratta, in particolare, di momenti in cui si è impegnati in dei progetti lavorativi importanti o in esami proibitivi. Infatti, per chi deve passare l’esame di maturità o deve sostenere la prova orale per superare una materia difficile all’università, la memoria è tutto.

Riuscire a concentrarsi a fondo e a memorizzare tutto quello che si sta leggendo risulta fondamentale per la buona riuscita dello studio.

La concentrazione reale permette anche di abbattere i tempi di studio, evitando di dover tornare più volte a rileggere lo stesso argomento.

Risulta fastidioso quindi, dover fare i conti con degli abbassamenti o con la mancanza di concentrazione. Fenomeni fisiologici ma che rappresentano dei veri e propri ostacoli per il lavoro o lo studio. Per scongiurare questi momenti negativi, anche l’alimentazione può fare la sua parte.

Il legame tra la concentrazione e il cibo

L‘alimentazione è centrale per la vita di ogni essere vivente. Gli ingredienti che scegliamo per cibarci hanno, ovviamente, un effetto marcato sul nostro organismo, sostenendoci e mantenendo efficiente ogni componente del nostro corpo. Risulta fondamentale, quindi, scegliere con cura gli alimenti da ingerire per scongiurare effetti negativi sul nostro organismo.

Anche per quanto riguarda la concentrazione e la memoria, la selezione dei cibi è fondamentale. Una giusta alimentazione, può, infatti, influire positivamente sulle nostre capacità di studio. Per chi si deve concentrare è innanzitutto importante non saltare la colazione, che dà la prima infusione d’energia all’organismo. Ma, anche nel resto della giornata, per mantenere alte capacità di memorizzazione è consigliato effettuare vari pasti più piccoli e più leggeri.

Proprio la pesantezza eccessiva di alcuni pasti potrebbe, infatti, portare un abbassamento repentino delle capacità di concentrazione.

Alimenti che influiscono sulla concentrazione

Spesso risulta difficile concentrarsi dopo aver pranzato o cenato. Ma da cosa dipende questa variazione della propria concentrazione? Il momento della digestione può condizionare la capacità di memorizzazione e provocare sonnolenza. Questo è dovuto al rilascio di insulina da parte delle cellule beta-pancreatiche. Scegliere degli alimenti che permettono al nostro organismo di utilizzare una quantità inferiore di queste sostanze può, quindi, modificare in modo sostanziale la nostra capacità di concentrazione.

Anche la digestione del glutine e il conseguente rilascio delle esorfine, può avere un effetto negativo sulla nostra attività celebrare. Risulta importante quindi, saper integrare bene nella propria alimentazione, dei cibi che hanno un effetto benefico nel momento digestivo. Vediamo di quali alimenti si tratta:

  • Pesce azzurro: un alimento ricco di Omega 3, un particolare acido grasso e un naturale alleato della memoria. Questa sostanza favorisce lo sviluppo del sistema nervoso e gli scambi neurali tra cellule;
  • Verdure: questa famiglia di alimenti può rappresentare un valido sostituto per dei piatti ricchi di carboidrati. Consumare un piatto di verdure a inizio pasto, permette di diminuire il consumo di grassi e dei carboidrati e di prevenire la sonnolenza digestiva;
  • Farine e cereali integrali: per chi ama consumare un bel piatto di pasta, è consigliato sostituire la farina bianca con quella integrale o consumare dei cereali integrali. In questo caso verrà rilasciata meno insulina durante la fase digestiva;
  • Cioccolata fondente: i grassi sono da evitare perché appesantiscono la digestione. Ma, per chi non vuole rinunciare a un momento goloso, basta consumare un po’ di cioccolata fondente. I flavonoidi, di cui è ricco questo alimento dolce, favoriscono la memorizzazione.
  • Frutta secca: questa particolare tipologia di frutta, detta oleosa, è ricca di Omega 3. Inoltre contiene fenilalanina, che permette al cervello delle maggiori capacità di concentrazione.

Una dieta per favorire la concentrazione

La dieta è il regime alimentare scelto da un determinato individuo. In altre parole, si tratta di tutti i cibi che ognuno di noi decide di introdurre nel proprio organismo per il giusto sostentamento. Una dieta mirata alla crescita della memorizzazione e della capacità di concentrazione deve saper equilibrare il consumo dei grassi e dei carboidrati con quello delle verdure. Importante, inoltre, prediligere carboidrati integrali e alimenti che apportano Omega3.

Leggi anche:

Eros e alimentazione: i 10 cibi più afrodisiaci

12 cibi che si possono mangiare in abbondanza senza paura di ingrassare

6 cibi da evitare per guarire più in fretta dall’influenza

Foto in alto: