Intelligenza: si sviluppa parlando da soli

Quante volte vi siete ritrovati a parlare da soli, anche da adulti? Se per lungo tempo si è pensato fosse un problema comportamentale, dalla scienza arrivano ottime notizie. Infatti, secondo…

Quante volte vi siete ritrovati a parlare da soli, anche da adulti? Se per lungo tempo si è pensato fosse un problema comportamentale, dalla scienza arrivano ottime notizie. Infatti, secondo recenti studi sul tema, le chiacchiere tra sé sarebbero sinonimo di intelligenza.

La voce è potere per il cervello

Gli psicologi Daniel Swigley e Gary Lupya, hanno analizzato i comportamenti di 20 persone, chiedendo loro di cercare degli oggetti in un supermercato. Nell’arco della prima ricerca, tutti i soggetti hanno svolto il loro compito in assoluto silenzio, solo nella seconda tranche hanno ripetuto il nome della merce che stavano cercando. In questo modo gli oggetti diventano più reali e la mente riesce a focalizzarli in minor tempo, rintracciandoli subito. Inoltre, secondo un altro studio apparso su Psychology Today, ripetere frequentemente l’obiettivo da raggiungere e parlare della propria situazione in terza persona, aiuta il cervello ad elaborare ottime strategie per raggiungere tutte le mete prefissate. Parlare da soli aiuta anche a riordinare i pensieri, come afferma la psicologa Linda Sapadin. Quindi, la prossima volta che vi sentirete sommersi dalle preoccupazioni e dalle mille domande, iniziate a parlare ad alta voce come se ci fosse affianco a voi una persona ad ascoltarvi, questa pratica, che è diffusissima anche tra le star di Hollywood, permette di fare chiarezza e soprattutto di scaricare la tensione.


talkingtoyourself

Gli strani sono gli altri

Non c’è bisogno di trovarsi in situazioni estreme per sperimentare i benefici del soliloquio. Quando si parla a sé stessi a voce alta, i problemi sono affrontati e analizzati attraverso una prospettiva differente, più distaccata e obbiettiva. In questo modo, si diventa lo psicanalista di noi stessi, perché il cervello riesce ad elaborare soluzioni in terza persona, più chiare e risolutive. Come recita una celebre frase di Nietzsche: “Quelli che ballano sono visti come folli da quelli che non possono sentire la musica.” Quindi, la normalità è solo quello che decidiamo di vedere e sentire come normale, non la realtà dei fatti; per questo motivo, se parlare da soli porta solo che benefici, perché smettere di farlo? In fondo, non si è gli unici e fa bene alla salute.

 

Aggiungi un commento