Cosmetici: la lista delle sostanze tossiche che devi evitare

Ormai da tempo se ne parla e sempre più persone si stanno convertendo all’utilizzo di prodotti, definiti biologici. Questa scelta, sicuramente ponderata è dovuta alla presenza sempre più massiccia di…

controllo inci

Ormai da tempo se ne parla e sempre più persone si stanno convertendo all’utilizzo di prodotti, definiti biologici. Questa scelta, sicuramente ponderata è dovuta alla presenza sempre più massiccia di sostanze valutate come tossiche o nocive per l’organismo di adulti e bambini.

Prodotti a rischio

I prodotto pericolosi sono molti; dai deodoranti, alle creme, shampoo, bagnoschiuma, dentifrici, fino ai prodotti per bambini. Uno studio condotto in Francia, da un’associazione di consumatori, UFC-Que Choisir; ha dimostrato la presenza di sostanze tossiche, come il metilisotiazolinone, un conservante, oppure il fenossietanolo, un altro conservante, con effetti epatotossici ed ematologici, in moltissimi prodotti di uso comune e quotidiano. Il risultato è sconcertante, ben 185 cosmetici contengono elementi rischiosi per la salute. Tra le marche spiccano anche nomi come, L’oréal, Roc, Carrefour, Pampers e Nivea. Le principali sostanze incriminate, sarebbero degli allergizzanti, irritanti, sostanze tossiche o riconosciute come interferenti endocrini.


sostanze da evitaresostanze da evitare

Come tutelarsi

Innanzitutto, potete segnarvi o stamparvi le immagini qui sopra, così da poter avere sempre sotto controllo la lista quando andate a fare la spesa. Soprattutto se avete dei bambini piccoli, sarebbe bene utilizzare prodotti, di cui si ha la certezza che non siano potenzialmente dannosi per la salute. Imparate a leggere l’Inci, ovvero la lista degli ingredienti dei cosmetici. Un altro importante accorgimento è quello di iniziare a valutare l’idea di provare prodotti di linee bio. “Green” non per forza vuol dire costoso. Sono molte le marche che si stanno convertendo, oppure realizzano linee di prodotti certificati bio, proprio per adattarsi a questa fase di cambiamento. Addirittura supermercati classificati discount, producono linee biologiche e non vuol dire che siano scadenti, perché sono del cosiddetto discount. L’importante è che sulla confezione, sia riportato il marchio ICEA, ovvero l’istituto per la certificazione etica ed ambientale. Questo garantisce l’autenticità biologica del prodotto, quindi è assicurato che non contenga parabeni, petrolati, PEG, metalli pesanti ecc… Assicura che i prodotti vegetali all’interno del prodotto arrivino da una coltura biologica ed inoltre la certificazione ICEA  è riconosciuta a livello internazionale. Passare all’utilizzo di prodotti bio, non solo farà bene alla vostra salute, ma anche all’ambiente, motivo in più per pensare di iniziare a cambiare le proprie abitudini.

Aggiungi un commento